Google+ I miei lavori all'uncinetto: Porta cellulare arcobaleno a uncinetto

sabato 19 luglio 2014

Porta cellulare arcobaleno a uncinetto


PORTA CELLULARE MULTICOLORE

Ecco l’ultimo porta cellulare che ho realizzato a uncinetto. 
Questa volta ho deciso di lavorarlo utilizzando 7 diversi colori di filato, in modo da creare una sorta di arcobaleno. 
Di seguito troverete tutte le istruzioni per poterlo realizzare anche voi. 
porta cellulare a uncinetto

OCORRENTE:
·      Filato di cotone cablè n°5 nei seguenti colori: rosso, arancione, giallo, verde chiaro, celeste, lilla e viola
·      Uncinetto n° 1,25

CONSIGLI:

La lavorazione è molto semplice, ed è adatta anche alle principianti.
Durante la lavorazione chi è inesperta potrebbe trovare qualche difficoltà nel fare il primo giro e nell'eseguire correttamente i cambi di colore.

Per ovviare al primo problema, se non riuscite a fare la lavorazione in tondo, potete lavorare il porta cellulare come un rettangolo  alto 11 cm e largo 22 e poi cucirlo.

Se invece il problema sta nell'effettuare i cambi di colore, dovete semplicemente ricordarvi di cambiare il filo nell'ultimo passaggio di chiusura dell'ultima maglia alta del giro.

Potete realizzare il porta cellulare in qualsiasi misura, basta aumentare o diminuire il numero di maglie iniziale e/o il numero di giri lavorati.

PROCEDIMENTO:

Il lavoro finito misura 11 x 8 cm.

Sostituire ogni m. alta iniziale con 3 cat. e ogni m. bassa con una cat.
Terminare ogni giro con una m. bassissima nella terza cat.

Avviare una cat. di 25 m. +3 per sostituire la prima m. alta e lavorare 24 m. alte. Continuare lavorando altre 3 m. alte nell'ultima cat. proseguire lavorando nella parte sottostante 24 m. alte, iniziando sempre a contare dalla prima cat. e terminare lavorando 3 m. alte nell'ultima cat. chiudere con una maglia bassissima.
Lavorare poi 3 giri a m. alta per ogni colore, seguendo il seguente ordine: rosso, arancione, giallo, verde chiaro, celeste, lilla e viola.

Eseguire un ultimo giro a maglia bassa in viola. Tagliare il filo e affrancarlo al lavoro.

0 commenti:

Posta un commento